Creazione primo Nas/Server domestico

Ciao a tutti, mi chiamo Danilo.
Premetto subito nel dire che la conoscenza nel mondo Linux è pari a zero o quasi.
Vi dico quello che vorrei ottenere:

  • gestire lo storage (prevalentemente film, serie tv) per poter avere accesso agli stessi da un paio di smart TV
  • gestire servizi docker (es. jellyfin, qbittorrent, radarr, sonarr etc)
  • mi diverto a giocare con macchine virtuali per approfondire il mondo Linux

Io attualmente queste cose le faccio già con un Mini PC basato su un Processore Intel N5105, con 16GB Ram non ECC e 1 disco Nvme da 500GB + 1 Esterno collegato tramite USB-C da 2TB entrambi formattati in ETX4 senza alcun tipo di raid. Come sistema operativo attualmente sto utilizzando Ubuntu Server 24.04 e uso il servizio SMB per la condivisione file, e Portainer per la gestione dei docker.

Il limite di questa soluzione è che non ho la possibilità di collegare dischi Sata in nessun modo non avendo porte di espansione PCI-E e usare sistemi di dischi esterni da collegarli alla porta USB non mi sembra una buona scelta.

Per questo avevo intensione di farmi una nuova macchina ma prima di farvi perdere tempo con dei suggerimenti vari sull’hardware che possa andare bene alle mie esigenze, volevo concentrarmi sul Software che andrei poi ad utilizzare.
Da quanto ho capito per la gestione dei container dovrei puntare alla versione TrueNas SCALE, la mia domanda è:

Alla luce delle mie esigenze quali sono i vantaggi/svantaggi di usare TrueNas Scale piuttosto che rimanere su un Ubuntu Server su cui poi andrei a creare un RAIDZ per i miei dischi meccanici per lo storage?
Per il discorso virtualizzazione, ha senso secondo voi creare una VM su Proxmox con all’interno TrueNas Scale (mettendo i dischi in passtrough) o conviene installarlo solo come OS principale direttamente sulla macchina Host?

Grazie in anticipo e scusate se mi sono dilungato!

Ciao e benvenuto!
Tutto ovviamente IMHO, e come spunto di riflessione (non ho esperienza diretta con Ubuntu server): se stai pensando di passare a Truenas, è perchè sicuramente hai cominciato a sentire l’esigenza di gestire meglio e in maggior sicurezza i tuoi dati, e ti sei reso conto che tenere tutto su un disco esterno così implica diversi rischi, che probabilmente non vuoi più assumerti.
Il vantaggio principale è “semplicemente” questo, c’è poco da aggiungere. Non dovresti avere impedimenti nel continuare a fare ciò che già fai adesso.

Di contro, la spesa da sostenere è parecchio distante dal “prendo un mini pc e ci collego un disco esterno qualsiasi”.
Spesa ancora maggiore se parliamo di virtualizzare TN su Proxmox (hai bisogno di più risorse, un HBA, ecc); io personalmente eviterei questa strada per un uso domestico poco intensivo

Ti ringrazio per la tua risposta. Stavo valutando l’utilizzo di TrueNas perchè vorrei qualcosa su cui fare affidamento che una volta sistemato, configurato e installati i vari servizi te lo dimentichi e sai che continua a fare il suo dovere. Non ho però esigenze professionali nella conservazione dei dati, sarebbe per lo più uno storage di file multimediali che se dovessi perdere potrei riscaricare, quindi se il vantaggio di usare TrueNas è “solo” quello di una maggiore sicurezza nella conservazione dei file ma mi viene a costare una tombola perchè necessita di Hardware particolare forse mi conviene continuare con una base Ubuntu.

Ci tengo a precisare… più che ad una cifra spropositata in senso assoluto, mi riferivo in rapporto alla spesa sostenuta per il tuo attuale allestimento (deduco 150-200€ giusto?).

Il limite che hai lamentato è più dovuto alla scelta del mini PC, e TN non ti risolve nulla in tal senso.

Se stiamo parlando di storage di iso di Linux e musica NCS (tutto facilmente ricaricabile), neanche io mi sposterei, in tutta franchezza. Anche perché a quanto hai spiegato già stai riuscendo a fare più o meno tutto con quello che già hai (e con un piccolo investimento immagino)…
Se non cambi il mini PC le opzioni sono poche, magari aspetta il parere di qualcun’altro più esperto